CANT (CRDA) Z.515
1942
Back to the Virtual Aircraft Museum
  RECONNAISSANCE SEAPLANEVirtual Aircraft Museum / Italy / CRDA  

CANT (CRDA) Z.515

There is no text information for this aircraft at the moment.

Comments
Alberto Rizzi, 10.03.2018

This floatplane won the competition (for a substitute of the Cant. Z. 501) with the similar F.I.A.T. R.S. 14, but this aircraft entered in service, even if in small number, because the Regia Aeronautica stopped C.R.D.A before starting its production, forced to focus the work of Italian factories on bombers.
When the R.S. 14 operational limits became evident, it decided to resume the Z. 515 production; unluckily the 8th September armistice stopped its production again; and, when Luftwaffe accorded the permission for a dozen of aircrafts, the factory has been destroyed by Allied bombings with all the few aircrafts built or under construction. Thus, in the end, only the prototype flew.
It’s interesting to notice that Japanese thought to a license mass production in 1941; all the plans where sent to the Japanese occupied Manchuria with a 21 hours non-stop flight. But the production never started there.

stefano, 28.04.2011

idrovolante da pattugliamento antisommergibile a scarponi. Monoplano ad ala bassa a sbalzo bilongherone, di costruzione interamente metallica con impennaggi di coda bideriva. La fusoliera, completamente metallica, aveva sezione ovale. Bimotore, dotato di propulsori Isotta Fraschini Delta RC.35 da 700 CV ciascuno a 3500 m azionanti eliche tripale metalliche a passo variabile in volo. La fusoliera era priva della gondola ventrale, ed ospitava quattro uomini di equipaggio (due piloti, l’osservatore nella prua ampiamente vetrata, e il marconista/armiere) che accedevano alla cabina da una comoda scaletta incernierata nella parte centrale della carlinga, immediatamente dopo il raccordo con la fusoliera dell’estradosso L'armamento era costituito da una mitragliatrice Breda-SAFAT da 7,7 mm. nella radice alare destra, una mitragliatrice IF-Scotti da 12,7 mm nella torretta dorsale Caproni/Lanciani Delta E, 2 mitragliatrici Breda-SAFAT MC.7,7 da 7,7 mm brandeggiabili laterali. Era previsto anche un eventuale armamento di caduta, costituito da sei attacchi alari per bombe del peso massimo di 100 kg. Per missioni di ricognizione si potevano installare in fusoliera due fotocamere tipo AGR.90. Caratteristiche tecniche: due motori Isotta Fraschini Delta RC.35 da 700 CV ciascuno a 3500 m; apertura alare 22,50 m; lunghezza 16,29 m; altezza 5,84 m; superficie alare 63,00 mq; peso a vuoto 6.390 kg, massimo al decollo 8.640 kg; velocità massima 342 km/h a 4.300 m, di crociera 304 km/h; autonomia 1.900 km; tangenza 7.200 m. armamento costituito da una mitragliatrice Breda-SAFAT da 7,7mm. nella radice alare destra, una mitragliatrice Isotta Fraschini-Scotti da 12,7 mm nella torretta dorsale Caproni/Lanciani Delta E, 2 mitragliatrici Breda-SAFAT MC.7,7 da 7,7 mm brandeggiabili laterali e 600 kg di bombe (massimo 960 kg). Produzione: 10 esemplari (MM.466 prototipo, MM.35789-35838 n.50 / MM.35875-35924 n.50)

Do you have any comments about this aircraft ?

Name    E-mail


All the World's Rotorcraft

All rhe World's Rotorcraft AVIATION TOP 100 - www.avitop.com Avitop.com